Ultimo aggiornamento sito: 14/11/12

Comune di Poirino
Skip Navigation Links
CHI SIAMO
INIZIATIVEExpand INIZIATIVE
Come tolgono
i diritti agli alunni disabili?
Expand Come tolgono <br/> i diritti agli alunni disabili?
Migliorare
il sostegno
Uff.Sc.Piemonte
toglie i diritti
Expand Uff.Sc.Piemonte  <br>  toglie i diritti
Cosa fanno
i partiti
Figli di un
Dio minore...
Il sostegno
a Poirino


Aspetti e risorse della scuola








 
Numero di visite del sito: [135757]



7) Quale documentazione esiste per il sostegno, da chi e quando viene scritta?

Esistono tre documenti principali: Diagnosi Funzionale (DF), Profilo Dinamico Funzionale (PDF), Piano Educativo Individualizzato (PEI).
In riferimento a tali documenti è utile riferirsi alle LINEE GUIDA PER L’INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ(allegato alla Documentazione">Nota Ministeriale prot. n. 4274 del 4 agosto 2009) III PARTE LA DIMENSIONE INCLUSIVA DELLA SCUOLA
paragrafo
"1. Il ruolo del dirigente scolastico"... "al Dirigente scolastico è richiesto di:" ... "coinvolgere attivamente le famiglie e garantire la loro partecipazione durante l’elaborazione del PEI;" ... "
Paragrafo 4:

La partecipazione alle famiglie degli alunni con disabilità al processo di integrazione avviene mediante una serie di adempimenti previsti dalla legge. Infatti ai sensi dell’art 12 comma 5 della L. n. 104/92, la famiglia ha diritto di partecipare alla formulazione del Profilo Dinamico Funzionale e del PEI, nonché alle loro verifiche.
Inoltre, una sempre più ampia partecipazione delle famiglie al sistema di istruzione caratterizza gli orientamenti normativi degli ultimi anni, dall’istituzione del Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola, previsto dal D.P.R. 567/96, al rilievo posto dalla Legge di riforma n. 53/2003, Art. 1, alla collaborazione fra scuola e famiglia.
E’ allora necessario che i rapporti fra istituzione scolastica e famiglia avvengano, per quanto possibile, nella logica del supporto alle famiglie medesime in relazione alle attività scolastiche e al processo di sviluppo dell’alunno con disabilità.
La famiglia rappresenta infatti un punto di riferimento essenziale per la corretta inclusione scolastica dell’alunno con disabilità, sia in quanto fonte di informazioni preziose sia in quanto luogo in cui avviene la continuità fra educazione formale ed educazione informale.
Anche per tali motivi, la documentazione relativa all’alunno con disabilità deve essere sempre disponibile per la famiglia e consegnata dall’istituzione scolastica quando richiesta. Di particolare importanza è l’attività rivolta ad informare la famiglia sul percorso educativo che consente all’alunno con disabilità l’acquisizione dell’attestato di frequenza piuttosto che del diploma di scuola secondaria superiore.
Per opportune finalità informative, risulta fondamentale il ricorso al fascicolo personale dell’alunno con disabilità, la cui assenza può incidere negativamente tanto sul diritto di informazione della famiglia quanto sul più generale processo di integrazione.
Il Dirigente scolastico dovrà convocare le riunioni in cui sono coinvolti anche i genitori dell’alunno con disabilità, previo opportuno accordo nella definizione dell’orario.